Siamo in guerra, ma vinceremo contaminando i piani sottili con la bellezza

Il Male arriva a ondate, lo vedete da voi come ci siano periodi più calmi e altri meno. Ora siamo nel pieno di una di queste, lo vedete da voi. E il peggio deve ancora venire, se pensiamo alle configurazioni astronomiche dei prossimi mesi. Giove unito a Saturno in Acquario porterà molto scompiglio, astrologicamente parlando.

Come affrontare questi tempi duri? Resistenza e consapevolezza. Si tratta di surfare l’onda evitando di annegare nella melma che ci circonda. Questo virus non fa danni di per sé, ma al livello politico e sociale sta scatenando il peggio di ognuno di noi. Si può già sentire in lontananza il rumore di una guerra civile, in cui siamo tutti contro tutti. Contraddizioni e incoerenze che scatenano panico e rabbia, tanta rabbia. Limiti alla nostra libertà che ci fanno infuriare, senza che però quest furia produca nulla di buono, anzi. 

Allora, che fare?

Osservare la Guerra cosmica. È molto più grande del nostro pianeta, riguarda almeno il sistema solare tutto, dove grossi cambiamenti avvengono su ogni pianeta, dalla nuova macchia di Giove all’esagono di Saturno che già da qualche anno sta cambiando colore. Anche il Sole sta rallentando la sua attività. Così, anche il nostro pianeta riporta conseguenze nello spostamento accelerato e imprevedibile del polo nord magnetico.

Eh sì, qualcosa sta proprio cambiando. Ognuno reagisce ai cambiamenti in maniera individuale. La maggior parte delle persone vive in maniera automatica, sputando in rancore e rabbia tutto ciò che nasce nel suo intimo.
Ma così facendo, non si fa che esacerbare la situazione. Il piano fisico, nei suoi accadimenti, è diretta conseguenza di ciò che accade sul piano astrale e più su ancora (piani mentale e causale), e su quelli siamo direttamente responsabili Ognuno di noi è direttamente responsabile.
A seconda di come noi fecondiamo, con i nostri pensieri ed emozioni, i piani sottili, creiamo una realtà fisica. Ciò che stiamo vivendo in questo momento è il raccolto di ciò che abbiamo seminato, che è stato ben concimato dai cambiamenti energetici, se volgiamo continuare la metafora.

Quindi dobbiamo armarci, chiamare l’Arcangelo Michele perché combatta al nostro fianco, e osservare tutto ciò che si muove dentro di noi. Usare la mente per agire, non per reagire. Per comprendere l’emozioni che stiamo provando e scegliere di trasmutarle. Se non siete d’accordo con quello che sta accadendo, ed è difficile esserlo, non scagliatevi contro il vostro vicino, non buttate la vostra rabbia nel cestino comune, ma trasmutatela in qualcosa di utile. Disegnatela, dipingetela, o fate una petizione per qualcosa che vi sta a cuore. Cambiamo il mondo immettendo semi nuovi.
Ognuno di noi ha un proprio giardino a disposizione, che però a livello sottile comunica con i giardini di tutti, la terra è una, e ognuno ha la responsabilità di un pezzettino.
Siate sempre pronti contro i soprusi, ma siate ancora più pronti a diventare dei Guerrieri.

Se arriva il demone della rabbia, vincetelo centrandovi sull’amore e la consapevolezza. Non scacciatelo, fareste peggio, ma combattetelo nel vostro cuore. Mettete nel mondo sottile solo cose belle.

Attualmente l’astrale inferiore è adombrato di colori cupi e scuri: spire di verde spento e rosso bordò si intrecciano con grigio e viola funereo. C’è bisogno di voi, di noi, per contaminare con la bellezza, con oro, rosa e azzurro, con emozioni di gioia e amore.

Non è retorica, è una vera guerra. Imbracciate le armi sottili e con vigore (che non è rabbia!) e con costanza abbattete ciò che vi separa dal vostro vicino. Non siete d’accordo con lui? Non litigate sul piano dei pensieri, riconoscetelo come essere umano come preda dei demoni. Salvatelo, invece di affossarlo. Non litigateci, perché non state litigando con lui, ma con i demoni che l’hanno imprigionato. Pregate per lui, beneditelo. Chiamate a raccolta le schiere degli angeli di Michele che lo liberino dall’odio.
Prima però, guardatevi dentro: quante maledizioni avete scagliato oggi? Quante volte ve la siete presa con chi ha stabilito i dpcm? E all’atto pratico questo vostro rancore non ha cambiato le cose fuori. Affrontate i vostri demoni interiori smascherandoli, e aiutate poi gli altri non cercando di convincerli, bensì accettandoli per quelli che sono. Non fate la guerra alle mascherine, quelle sono solo una conseguenza: fate la guerra ai demoni che vi vogliono odiatori. Alzate le vostre vibrazioni, vi fanno da scudo per permettervi di sopravvivere a questa ondata, che passerà. Ci vorranno alcuni anni, che saranno sempre più duri, ma ce la potremo fare se saremo consapevoli.

All’Armi!

2 Commenti

  1. Helga

    Ciao strega zitella, ho letto i tuoi scritti e li trovo molto utili e profondi nel senso che mi aiutano ad entrare un po’ di più.
    Ti ringrazio

    Rispondi
    • wp_128979

      Grazie mille per il tuo commento, non puoi immaginare quanto mi sia di conforto! Ogni bene a te 🙂

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Canalizzazione 02 – 29.09.20

Quindi hai capito, se ti chiedi è mente, se ti ascolti e ci ascolti è cuore.Per questo ti abbiamo detto di fermarti.Leggerezza, gioco, non c'è dovere, non c'è a cosa mi serve.C'è ascolto e farsi grondaia e essere a servizio.Non distinguere tra passato e futuro ma sii...

Il livore post covid: tutti contro tutti, cosa sta succedendo? Una risposta esoterica.

Negli ultimi anni i conflitti interpersonali si sono esacerbati, ma questi ultimi mesi hanno visto aumentare la profondità della spaccatura tra "noi" e "loro": da una parte i complottisti o negazionisti e dall'altra i servi del regime, queste sono a grandi linee le...

Perché STA ACCADENDO a Trieste?

Ci si chiede: perché Trieste? Trieste è una porta, il confine. Qui si toccano due mondi, due civiltà. Qui finisce l’Occidente e inizia il blocco balcanico, l’est, l’Altro. Qui si incontrano due correnti, si mescolano, qui la temperatura del crogiuolo è alta. L’ultima...

Cabala: quale Albero della Vita ti aiuta a crescere?

Prima di addentrarci nella spiegazione di come si può usare la Cabala per la propria crescita personale, mi preme sciogliere un dubbio che si presenta immediatamente appena si cerca il temine " l'Albero della Vita" su Google. Si nota subito che si possono trovare due...

La vita è un puzzle: trova l’immagine di te stesso

Si dice che nasciamo con una missione, e penso si pensa alla professione: cosa sono nato o nata per fare? C'è un fraintendimento di fondo: non tutti siamo destinati a diventare celebri (anche se per 15 minuti, diceva Warhol, la fama non si nega a nessuno), ma tutti...

Perché siamo tutti depressi? Il parere di James Hillman

C'era una volta Madre Natura, che ci coccolava nei lunghi pomeriggi nei campi, nei boschi, nei giardini. C'erano le comunità, con cui si condividevano gioie e dolori. Oggi l'urbanizzazione selvaggia ci ha separati dalle nostre radici, i nuclei familiari sono sempre...

In sintesi, cos’è la Cabala?

Quando diciamo che andiamo a fare "yoga", intendiamo un certo tipo di ginnastica con particolari posizioni, dette asana . In realtà andiamo a praticare l'Hatha Yoga, che è uno degli aspetti dello dello Yoga, disciplina orientale che comprende anche Bhakti Yoga,...

Canalizzazione 01 – 17.09.20

Sì, lo so che prima o poi dovrò scrivere di come sono arrivata a canalizzare, non è un dono di natura, ma frutto di molti anni di Sentiero, studi e pratica quotidiana. È che ho tante altre cose più importanti da scrivere prima di parlare di me...! Va detto che tutti...

Canalizzazione 03 – 08.10.20

Purtroppo ho sbagliato, registrando con l'app speech-to-text le cose che mi venivano dette, anziché con un registratore normale. Quindi l'app ha saltato di tradurre in testo certe parti, ho dovuto cancellare alcune parole che poi, editando il testo, mi risultavano...

Cristo non c’entra nulla con la religione: è il nostro Maestro nel cuore

Ti è mai capitato di provare un forte anelito verso la trascendenza ma di trovarti in conflitto con la religione, tanto da preferire l'uso del termine spirituale, abrogando del tutto dal tuo vocabolario la parola religione, insistendo che deriva dal latino religare =...
Share This